BTicino lancia Eliot: oggetti per la casa connessa

BTicino lancia Eliot: oggetti per la casa connessa

Bticino ha presentato recentemente una serie di prodotti che fanno parte del nuovo programma denominato ELIOT, nome che deriva da ELectricity e Internet Of Things. Il programma ELIOT andrà quindi ad indicare tutti i prodotti BTicino che rientrano nella famiglia degli oggetti connessi o che possono essere connessi.

Per esempio fanno parte del programma Eliot il recente Videocitofono Classe 300 con cui è possibile interagire, anche via smartphone e tablet, con chi suona al portone, scoprendo in tempo reale chi ci ha cercato.

Il Salvavita Stop & Go che informa a distanza l’utilizzatore di eventuali scatti intempestivi del Salvavita, permettendo la verifica del corretto ripristino del dispositivo e segnalando se sia invece necessario l’intervento di un tecnico qualificato.

Il Cronotermostato Connesso che consente la gestione dell’impianto termico tramite app, semplificando la programmazione delle accensioni e degli spegnimenti, telecamere con sensore che possono segnalare e visualizzare a distanza la presenza di un intruso, consentendo all’utilizzatore di discriminare tra un allarme vero e uno falso.

Anche la gestione dell’illuminazione, le tapparelle avvolgibili, le tende e veneziane tramite il gateway del sistema wireless BTicino che rende “intelligenti” anche le case esistenti ed è quindi ideale per ristrutturazioni senza interventi sulle opere murarie.

BTicino, capofila del Gruppo Legrand in Italia, presente con una struttura organizzativa che comprende 10 insediamenti industriali e quasi 2.800 dipendenti, opera sul mercato italiano con le offerte dei marchi principali BTicino, Legrand, Zucchini, Cablofil, Vantage, NUVO e IME. Con la presenza in oltre 60 Paesi in tutti i continenti, BTicino si colloca tra i leader mondiali sul mercato delle apparecchiature elettriche e digitali per installazione, testimoniando il valore del nostro Paese in termini di qualità, tecnologia d’avanguardia e cultura progettuale.
Oltre 450 ingegneri e tecnici sono impegnati nella struttura di Ricerca e Sviluppo in Italia, centro di competenza per il gruppo Legrand in numerosi settori, in particolare per l’automazione dell’edificio, la videocitofonia e la distribuzione di energia di potenza. www.bticino.it