Berloni Cucine presenta la nuova BVolume

BVolume, perfetta integrazione con il living

Berloni Cucine presenta la nuova BVolume

In occasione della settimana del Salone Internazionale del Mobile 2017 si è tenuto nella giornata del 6 Aprile a Milano l’evento “+he Volume” dedicato alla presentazione ufficiale della nuova linea B Volume di Berloni.

Si tratta di un nuovo modello pronto al lancio che era già stato presentato come prototipo in occasione di Eurocucina 2016 e che offre una serie di caratteristiche inedite in casa Berloni, dedicate tra l’altro alla ricerca di un maggiore spazio di contenimento.

I plus della nuova proposta sono comunque sia di carattere estetico che funzionale: ad esempio, lo zoccolo passa dall’altezza di cm 15 a quella di cm 8 e arretra inoltre di 3 cm. La minore percezione visiva dello zoccolo dona proporzioni più bilanciate e una migliore ergonomia, facilitando il migliore posizionamento dei piedi nell’atto di lavorare in cucina.

«La riduzione dell’altezza dello zoccolo – spiega l’ A.D. Roberto Berloni – è una soluzione estetica che avvicina sempre più la cucina al mobile da zona giorno, conservando la funzionalità dell’ambiente cucina tanto per la praticità di utilizzo come per la facilità d’inserimento della lavastoviglie». L’ergonomia non è l’unico vantaggio che si ottiene con questa soluzione: le basi presentano una maggiore cubatura interna.

Un altro aspetto di questo nuovo modello è la perfetta integrazione con la zona living, grazie alla piena compatibilità dimensionale e di finiture con la libreria Thin (design by MARCARCH-Marco Fumagalli), caratterizzata da elementi con uno spessore ridotto, che garantiscono un effetto di grande leggerezza degli spazi e delle divisioni.

Le colonne della cucina B Volume possono essere facilmente inserite tra i moduli di Thin, andando a costituire un corpo unico con mille possibilità di compinazione diverse.

In realtà si è andati oltre la semplice integrazione delle colonne della cucina: nello sviluppo definitivo del progetto, è stata aggiunta la possibilità di inserire il modulo forno direttamente nel programma Thin senza necessità di usare il supporto della colonna completa come in un normale progetto di cucina, un primo passo nei possibili scenari futuri del progetto, suscettibile di ulteriori variazioni sul tema. “BVolume – conclude  Roberto Berloni è in definitiva una proposta destinata a un pubblico esigente, un segmento di mercato di tendenza, di gusto contemporaneo, attento al disegno e alla funzionalità”

Il programma B Volume prevede 4 diverse interpretazioni legate ai materiali utilizzati e ad alcune soluzioni funzionali ed estetiche.

Questo slideshow richiede JavaScript.

La versione Loft, modello brevettato disegnato da Nick Studio e Marcarch – Marco Fumagalli, prevede una innovativa presa maniglia superiore orizzontale che si può scegliere con la stessa finitura dell’anta oppure a contrasto. Una soluzione ispirata allo stile urban proposta negli eleganti colori Urban Bonze e Sandy Creta.

Nick Studio e Berloni Design Lab hanno invece disegnato la versione Lisa, ispirata al mondo dell’arredamento in stile marino, con i caratteristici frontali risolti in doghe orizzontali e verticali.

Meeting è una versione caratterizzata invece dal profilo in alluminio, disegnata da Berloni Design Lab, Meeting, per composizioni moderne e lineari con frontali apribili senza maniglia ma anche senza ricorrere alla gola sagomata nelle casse del mobile. Possono essere ottenute varie combinazioni scegliendo abbinamenti diversi fra i frontali e il profilo in alluminio, anch’esso disponibile in diversi colori.

Tutte le versioni sono trasversalmente personalizzabili mediante le “App”, elementi accessori inseribili nella modulistica che permettono l’ulteriore personalizzazione di ogni progetto.

Uno di questi è il sistema 20/Venti, costituito da una struttura wireframe in profili di alluminio a sezione quadrata. Con essa è possibile integrare pensili, sottopensili, basi, colonne che permettono anche l’inserimento diretto di forni sospesi e altri elettrodomestici. Il sistema permette anche dei moduli dedicati all’elemento cappa e alle strutture ad isola.